Bacchette Magiche

Il personaggio che ha una bacchetta e non sa cosa sia, deve fare vari tentativi fino a farla "scattare" attraverso una concentrazione ed un gesto della mano. In pratica il personaggio deve comunicare al DM come ritiene di utilizzare la bacchetta. Ad esempio dice: "la uso come bacchetta per le palle di fuoco" ed il DM comunicheràl'esito della sperimentazione.

Si considera che il mago passa in rassegna tutte le formule più comuni per attivare la bacchetta. Soltanto usando il comando giusto la bacchetta consumerà una carica e mostrerà l'effetto.

Il PG potrà fare infiniti tentativi (i tentativi andati a vuoto non consumano nessuna carica!); se il compito dovesse risultare arduo, il DM potrà suggerire qualcosa solo se il personaggio supererà un tiro sulla saggezza e/o sulla intelligenza. Chiaramente nel caso di bacchette o qualsiasi oggetto che abbia delle "cariche" verrà considerato come una bacchetta a scalare. Il personaggio scriverà sulla scheda ad esempio:

Bacchetta delle palle di fuoco (-1)

Dove il numero dopo il segno meno indica quante cariche sono state utilizzate.

Quando le cariche sono finite la bacchetta scomparirà o presenterà segni visibili del suo stato deteriorato.

Altre modalità possono essere inserite con l'uso di incantesimi come "Vista Rilevante" o altro.

Il master ha comunque sempre carta bianca per poter decidere diversamente da queste regole.